Tostatura del riso

Process

Ricette biologiche da prodotti biologici con gusto e semplicità.


Come tostare il riso


Se vuoi cucinare un buon risotto, non puoi dimenticare la tostatura del riso: si tratta di un’operazione fondamentale per ottenere due risultati importanti: la croccantezza e la cremosità del risotto. Infatti, grazie alla tostatura il riso diventa più resistente, così da esistere allo "stress" della cottura, senza rompersi o spappolarsi in padella e rilasciando gradualmente l’amido.


Come si tosta il riso?

La tostatura è un’operazione molto semplice che possiamo fare a secco, oppure nel soffritto. Basta aggiungere tutto il riso nel tegame e, senza aggiungere alcun liquido, cuocerlo a fuoco medio alto per 3-4 minuti, finché i chicchi non assumeranno un aspetto traslucido.


Cosa crea la tostatura del riso?

Durante la tostatura il calore della padella modifica la superficie dei chicchi di riso rendendola più resistente e impermeabile. Questo farà si che il rilascio di amido durante la cottura sarà molto più graduale, aiutandoti ad ottenere un risotto più denso e cremoso.





Consigli per una tostatura del riso Perfetta

  • Quantità di riso: tosta solo la quantità di riso che intendi cuocere immediatamente. Il riso tostato non può essere conservato per un uso successivo.
  • Pentola adeguata: usa una pentola dal fondo spesso per distribuire il calore in modo uniforme.
  • Costanza nel mescolare: mescola costantemente durante la tostatura per evitare che i chicchi si attacchino al fondo della pentola e si brucino.

La tostatura del riso è un passaggio semplice ma fondamentale per elevare la qualità del tuo risotto. Seguendo questi consigli, potrai ottenere un piatto perfettamente bilanciato, con chicchi di riso che mantengono la loro forma e una cremosità irresistibile. Buon risotto!





Riso biologico Baldo e Carnaroli: le scelte ideali per preparare un buon risotto

Il riso biologico Baldo, con il suo equilibrio tra cremosità e tenuta alla cottura è perfetto per risotti ricchi e armoniosi. La sua capacità di assorbire i sapori senza diventare colloso lo rende ideale per un buon risotto.

Il riso biologico Carnaroli, spesso definito il re dei risotti, ha un'elevata percentuale di amido, che conferisce al risotto una cremosità ineguagliabile. Il Carnaroli mantiene la sua forma e consistenza anche dopo una lunga cottura, risultando perfetto sia agli Chef che ai meno esperti nella preparazione di un risotto.